Benvenuti nel sito dell'Associazione I Bambini di Flami e Ale

28

mar

2015

AZIONI PER LA BOLIVIA


L’Associazione ha acquistato materiale medico, strumentistica e apparecchiature da utilizzare a Cochabamba nell’ospedale pubblico VIEDMA pediatrico “grandi ustionati”, dove ogni giorno arrivano mediamente 80-90 bambini con gravi bruciature derivanti da incidenti familiari.

Tutto il materiale è stato consegnato alla dr.ssa Susanna Mainetti, di Roma, che fa volontariato presso tale ospedale.

$entry->title

"UN'ESPERIENZA PARTICOLARE" di Susanna Mainetti

6 settembre 2011

Sono qui a Cochabamba da circa 15 giorni e, dopo aver superato le prime incertezze ed i problemi di adattamento all' altitudine, voglio raccontare le mie prime impressioni.
 
Mi hanno affidato due progetti: il primo come anestesista nella Sala Operatoria dell' “OSPEDALE PUBBLICO VIEDMA” reparto pediatrico grandi ustionati; il secondo, come supporto nell'“ORFANATROFIO CATD” per bambini disabili.
Oggi parlerò dei miei primi giorni in ospedale.

Appena entrata, il mio cuore è diventato piccolo piccolo, e mi sono detta “non ce la faccio!”.
 
Il reparto è costituito da camerette arrangiate, in ognuna si vedono bambini tutti bendati con gli occhi che spuntano dalle fasciature, con uno sguardo impaurito e rassegnato. Sono tutti vittime della povertà, dell' ignoranza e dell' abbandono da parte di genitori che non possono garantire loro una dignitosa protezione contro incidenti domestici e violenze.
Poi ho conosciuto il Dott. Oscar Romero (sempre accompagnato dal suo aiuto volontario Dott. Jeffrey Vargas), primario chirurgo pediatrico che, dal 1981 combatte come una tigre per salvare la vita e queste sfortunate creature.
 
E' un uomo coraggioso, ottimista, bravo ed eroico. Non prende mai una vacanza, non vuole andare in pensione, sta raccogliendo fondi per creare un nuovo centro per poter curare meglio i suoi bambini.
Opera tutti i giorni in condizioni disagevoli ed incita continuamente il personale della S.O.
Io gli sono stata subito simpatica, mi chiama “Ciociana il vulcano”, perche' sono un po' come lui (nonostante i miei 59 anni mi sono imbarcata in un' avventura difficile ed emotivamente molto coinvolgente).
Il personale della S.O. Mi ha accolto con gentilezza e disponibilità ed ho trovato un' eccellente intesa con le colleghe anestesiste Cinthya, Wendy, la tirocinante Mayerling e con la caposala Magdalena.
Il Reparto ha bisogno di AIUTO sia umano che economico; per questo ci si può rivolgere all' organizzazione Projects Abroad.
 
Baci da Cochabamba

Susanna

28 marzo 2015