Benvenuti nel sito dell'Associazione I Bambini di Flami e Ale

La parola a ...

8

set

2009

Cristiana


Buongiorno Sig.ra Teresa
con grande gioia scrivo questa mail, mi chiamo Cristiana, ho 27 anni e sono sarda, da 5 anni ormai lavoro per suo fratello Nuccio a Cagliari e sono collega di Leonardo, ho avuto il piacere di conoscerla di persona solo una volta, in studio, mi ha colpito la sua bellezza e la sua grazia.

 

Leonardo mi ha sempre parlato tanto di lei, del suo impegno, della sua famiglia meravigliosa, ho conosciuto così Flaminia, dai racconti di uno zio orgoglioso della sua bellissima nipote di cui mi mostrava le foto, le pubblicita'di cui era protagonista, di una nipote affezionatissima al nonno che tanto mi faceva tenerezza, di una nipote che amava tanto gli studi e che sarebbe arrivata in alto. Quando ho appreso la notizia ho pianto e mi sono disperata per voi che sentivo vicini come miei cari avrei voluto abbracciarvi perche' non avevo parole di conforto.
Ho apprezzato il gesto di estrema generosità che avete mostrato donando gli organi di Flami, la vostra dignita' nell'affrontare il dolore quando ho letto su internet dell'associazione nata a sostegno dei bambini intitolata a Flaminia e Alessio ho sentito il bisogno di far conoscere la sua esistenza a quante piu' persone possibili.
Ho così fondato il gruppo su facebook che ora conta piu' di 500 iscritti.
Ho voluto che parenti, amici e altri conoscessero Flaminia, Alessio e le loro famiglie, anche solo attraverso la tv, le vostre parole piene d'amore.
Come fondatrice del gruppo ho ricevuto ieri un messaggio dalle dottoresse Paola Roli e Marta Paniccia, rispettivamente sociologa e psicoterapeuta, che stanno realizzando un documentario che riguarda le morti su strada a Roma e la vita di chi resta e ricorda.
Non hanno trovato il telefono dell'associazione e hanno pensato di rivolgersi direttamente a me.
Vorrebbero entrare in contatto con tutti voi e la famiglia di Alessio,C con i loro amici e con chi si occupa della loro memoria.
Vorrebbero realizzare delle interviste da inserire nel loro lavoro.
Mi hanno dato i loro contatti nella speranza di ricevere una vostra risposta

Ho parlato con Grazia e lei mi ha invitato a rivolgermi direttamente a lei, ho colto l'occasione per farlo e sono felice tante volte ne ho sentito il bisogno ma non ho mai trovato il coraggio
Vi abbraccio affettuosamente
Cristiana

8 settembre 2009