Benvenuti nel sito dell'Associazione I Bambini di Flami e Ale

18

giu

2009

Non più omicidio volontario ma colposo


Ridotta la pena inflitta a Stefano Lucidi da 10 a 5 anni. La sentenza è stata emessa dalla prima sezione della Corte di assise di appello di Roma, i cui giudici hanno trasmesso il fascicolo processuale al pm per valutare l'ulteriore contestazione di omissione di soccorso.

I genitori di Flaminia: "Non c'è giustizia"
"Non avrei mai creduto a una sentenza di questo tipo. Poteva essere l'inizio di un nuovo percorso di giustizia, oggi smentiti clamorosamente. Era un messaggio di giustizia, correttezza e dignità umana quello che ci aspettavamo. La situazione era alla portata di tutti; tutti ci avevano creduto all'imputazione di omicidio volontario. Ma com'è possibile che oggi i giudici si siano presi la responsabilità di trasferire al popolo italiano un messaggio di non credibilita'? Pensavo che la vita di mia figlia potesse valere quella di tutti gli altri". "Mia figlia non me la ridà nessuno - ha aggiunto il padre di Flaminia, dopo questa sentenza, non mi sento più italiano".

$entry->title

La riduzione della pena è stata decisa dalla prima corte d’assise d’appello di Roma che ha attribuito all’imputato il reato di duplice omicidio colposo, e non più quello volontario con dolo eventuale.

18 giugno 2009

Documenti