Benvenuti nel sito dell'Associazione I Bambini di Flami e Ale

18

giu

2009

LETTERA CONTRO L'INGIUSTIZIA


Ve li ricordate Alessio e Flaminia... i due ragazzi travolti ed uccisi da un ubriaco?

Ennesimo sputo in faccia della Giustizia (malavitosa) italiana nei confronti delle vittime della strada.

Stefano Lucidi, l'assassino che guidando ubriaco travolse ed uccise Alessio Giuliani e Flaminia Giordani ha avuto una riduzione della sua già insignificante pena di 10 anni, riuscendo a scippare 5 anni alla condanna.

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO... si suole dire in questi casi!!!

Grande amarezza della madre della povera Flaminia, che sperava in una conferma della pena, anche per dare un segnale forte di "dignità della vita umana", visto che i tribunali fanno problemi a staccare le macchine che tengono in vita artificiale le persone oramai morte da anni, e poi riducono la pena a chi ha ammazzato due ragazzi giovani e con un futuro davanti.

Vergognosa anche la dichiarazione di uno degli avvocati difensori dell'assassino: "È una sentenza corretta ed equilibrata quale noi auspicavamo" ... "Il mio assistito è stato condannato per omicidio colposo con colpa cosciente con l'aggravante della previsione dell'evento - ha aggiunto il penalista - I giudici correttamente hanno bilanciato questo con le attenuanti generiche fino ad arrivare alla condanna che c'è stata".

C'è da augurare al signor avvocato che possa un giorno ricevere una telefonata inaspettata da una pattuglia della Polstrada o di un Pronto soccorso, che gli annunci la morte dei suoi figli in un incidente stradale in cui un uomo ubriaco li ha falciati.
Certi drammi si devono solo vivere per poterli comprendere.

Ma la faccenda non è ancora finita... c'è stato un altro elemento grottesco in quell'aula di trubunale; un altro assassino, tale Friedrich Vernarelli che uccise una turista irlandese che attraversava sulle strisce pedonali, voleva entrare per salutare l'amico assassino a cui era stata ridotta la pena.
Ma si sa, tra assassini, criminali, mafiosi e via dicendo, in questo paese siamo tutti compagni di merende.

ITALIA DI MERDA!!!

Shin

fonte: blog clandestinodellavita

18 giugno 2009